Guida di Ravenna: itinerari e informazioni sulla città dei mosaici

Itinerario-ravennaSuperficie: 1858 Km2
Abitanti: 160.250
Altitudine massima: 4 mt s.l.m.
 
>Un po’ di storia
Ravenna, per la ricchezza del suo patrimonio artistico e culturale è stata dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Una cittadina le cui origini sembrano risalire a oltre 3000 anni fa e che inizia a conoscere la sua fortuna sotto l’imperatore Augusto che nel I° secolo a.C fece costruire proprio a Ravenna il porto, strategico per il controllo dell’Adriatico. Nel V secolo diviene capitale dell’Impero Romano d’Occidente prima sotto Onorio poi sotto Valentiniano III tutelato dalla madre Galla Placidia. In questo periodo vengono costruiti il famosissimo Mausoleo di Galla Placidia, il Battistero Neoniano e la Basilica Ursiana sulle cui spoglie oggi sorge il Duomo barocco. Sotto Teodorico viene costruita la Basilica di Santa Apollinare Nuovo e il Mausoleo di Teodorico. Intorno alla metà del VI secolo Ravenna diventa sede dell’esarcato di Costantinopoli ed entra in contatto con la cultura bizantina. In questo periodo viene costruita la Basilica di Santa Apollinare in Classe. La città viene successivamente spogliata prima dai Longobardi poi dai Franchi, segue la signoria degli arcivescovi e nel periodo comunale le numerose famiglie che governano la città, su tutte la famiglia Da Polenta, famosa per aver ospitato Dante Alighieri la cui tomba si trova proprio a Ravenna. Alla fine del XV secolo subentrano i veneziani e poi un periodo buio in cui si susseguono saccheggi e inondazioni. La città passa poi dalle mani della Chiesa a quelle di Napoleone per tornare allo Stato Pontificio fino al Risorgimento e al 1859, anno in cui, in anticipo rispetto a molte altre città italiane, aderisce all’unità del Paese. Dopo le grandi guerre che l’hanno gravemente danneggiata Ravenna ha conosciuto un fiorente periodo di crescita economica grazie soprattutto alle attività sviluppatesi attorno al suo porto, considerato uno dei più importanti scali dell’Adriatico.

>Cosa visitare
Ravenna conserva il più importante patrimonio di mosaici del mondo tutti risalenti al V-VI secolo. Da non perdere il Mausoleo di Galla Placidia che conserva i mosaici più antichi, la Basilica di San Vitale, la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo e di Santa Apollinare in Classe poco fuori la città. Degni di nota anche il Mausoleo di Teodorico, la Tomba di Dante, il Battistero degli Ariani e il Battistero Neoniano o degli Ortodossi. Mosaici a parte Ravenna ospita anche un bellissimo Planetario che proietta su una cupola di 8 metri di diametro la volta celeste come dovrebbe essere senza inquinamento e agenti atmosferici disturbanti.  Una bellissima esperienza per gli appassionati di stelle e costellazioni a pochi metri dalla stazione ferroviaria. Di tutt’altro genere l’intrattenimento offerto da un’altra grande attrazione di Ravenna, o meglio dei suoi dintorni, stiamo parlando di Mirabilandia un parco divertimenti dove trascorrere intere giornate soprattutto durante la stagione calda.

>Feste e Tradizioni
Dal 14 al 24 di luglio, in occasione della festa per il Patrono di Ravenna Sant’Apollinare, la città da vita ad una kermesse di eventi, feste, cortei, regate storiche, spettacoli, sagre, visite guidate e mostre. La città dell’arte e del mosaico esplode in un pot-pourri di proposte che richiamano turisti da ogni angolo del Paese. Un altro evento molto sentito e molto recente è la notte d’oro che si svolge invece nel mese di ottobre. Un’intera nottata dedicata all’arte e alla musica fra spettacoli, concerti, mostre e visite guidate.
RICERCA OFFERTE

OFFERTE

Tutte le offerte »

Guide turistiche

CHE TIPO DI VACANZA CERCHI?